Programmatic: Xaxis investe in una piattaforma dati proprietaria

PrintIl programmatic buying è ormai al centro delle grandi contese globali dell’adv. Uno studio di E- marketer dice che nel 2017 oltre il 50% del mercato lavorerà seguendo logiche automatizzate di pianificazione e acquisto degli spazi. Wpp presidia da tempo questo versante attraverso Xaxis, attualmente presente in quasi tutte le aree coperte dal gruppo di Martin Sorrell offrendo i propri servizi sia alle agenzie partner di GroupM (Maxus, MEC, Mediacom e Mindshare) che a clienti diversi. Attiva dal 2011, ha appena acquisito 24/7, società leader sul versante delle tecnologie marketing lato editore con l’idea di semplificare e rendere ancora più performante il programmatic buying, accorciando le distanze tra chi mette a disposizione gli spazi e chi se ne può servire. Passo quasi conseguente, ora che Xaxis ha speso 25 milioni di dollari per mettere a punto una piattaforma proprietaria di gestione ed elaborazione dati. DMP è l’acronimo di questi servizi tesi a rendere il più efficace possibile il mix tra i propri dati e quelli di altre fonti ed utilizzarli secondo logiche di profilazione sempre più sofisticate. Brian Lesser, ceo di Xaxis ha commentato: «Più di ogni altra cosa sono i dati che definiscono il livello nel mondo del programmatic buying; più anonime sono le informazioni sugli user e più efficiente può essere il buying. E dato che l’acquisto di audience è sempre sviluppato da un DMP, Xaxis ha deciso di costruirsene uno su misura». 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *